Plotter da taglio in piano:
cosa sono, perché usarli e quali scegliere

I plotter da taglio in piano sono tra i macchinari che negli ultimi anni hanno visto crescere più rapidamente il loro successo e la loro appetibilità sul mercato. Queste macchine da taglio possono assumere diverse caratteristiche e sono disponibili in molte tipologie.

In questo articolo Luca Bartalini, product manager di Valiani, ti guiderà alla scoperta di questi preziosi macchinari.

Ecco quali argomenti affronteremo:

Plotter da taglio in piano: cosa sono e a cosa servono

 

I plotter da taglio in piano, conosciuti anche come flatbed plotter, sono chiamati “in piano” perché, rispetto a quelli a rullo, utilizzano una trave che sposta gli utensili sul materiale anziché far muovere il materiale sotto la trave, e lo stesso materiale è posizionato su una superficie piana.

La funzione principale dei plotter è quella di permettere il taglio di oggetti senza l’utilizzo della fustella tradizionale. Questi macchinari lavorano dunque la materia grezza dando ad essa una forma definita. Una forma precisa che può avere diversi tipi di applicazione: la materia grezza può essere trasformata in una scatola, in un adesivo, in un’insegna o in tante altre applicazioni, secondo le capacità del singolo macchinario.

I plotter da taglio in piano si distinguono tra loro prevalentemente per le applicazioni che possono realizzare: applicazioni che delimitano anche i mercati di riferimento dei singoli modelli di plotter.

Un altro elemento fondamentale che contribuisce ad una differenziazione tra tipologie di plotter riguarda gli utensili che possono essere montati su queste macchine. Gli utensili sono infatti fondamentali per determinare le applicazioni che un plotter potrà realizzare e il modo in cui riuscirà a farlo.

Spesso si ritiene erroneamente che la dimensione sia il fattore più importante. In realtà questo è l’ultimo degli aspetti che dovremmo prendere in considerazione nella valutazione di un plotter. Per prima cosa dovremmo infatti accertarci delle capacità del plotter di lavorare il materiale o i materiali che andremo a trattare. La scelta della dimensione della macchina andrà poi di pari passo con la dimensione del materiale che deve essere lavorato e, nel caso sia stampato, con la capacità e il formato di stampa massimo che si potrà realizzare.

Un altro fattore che determina la tipologia di un plotter digitale è quello degli applicativi software. Questo non tanto perché le macchine ne arrivino sprovviste, quanto piuttosto per la loro capacità di gestire più formati file che, in qualche modo, determineranno anche il lavoro che si andrà a fare.

Se riceviamo un formato vettoriale proveniente da programmi come Adobe Illustrator o CorelDRAW è facile intuire che abbiamo a che fare con applicazioni appartenenti al mondo della grafica con combinazione stampa-taglio.

Se riceviamo un file .DXF è più probabile che ci troviamo di fronte al mondo del taglio e della modellazione di un materiale. Esistono infine file specifici di programmi terzi, che non appartengono alle macchine in commercio e che possono avere formati proprietari (ad esempio i CF2 di Valiani m3).

Plotter da taglio in piano: quali materiali tagliano

 

I plotter da taglio in piano possono tagliare diverse tipologie di materiali. La lavorabilità di un materiale è strettamente correlata alla scelta degli utensili di cui verrà dotato il macchinario. 

Tuttavia, tendenzialmente, i plotter da taglio in piano vengono utilizzati per lavorare materiali morbidi come carta, cartoncino, adesivo, tessuti, schiume e tutti quei materiali che hanno una bassa resistenza alla lavorazione.

Quando parliamo di questi materiali è possibile fare una distinzione tra quelli che possono essere tagliati a lama per trascinamento, lama oscillante o lama rotativa.

In termini di durezza il materiale più duro da tagliare è il Forex®, che rappresenta il limite massimo che un plotter da taglio in piano riesce a lavorare.

Spesso i plotter da taglio in piano non si limitano ad eseguire dei tagli ma, come nel caso delle scatole, hanno bisogno di un secondo utensile per eseguire le cordonature oppure, nel caso degli adesivi, hanno bisogno di eseguire un mezzo taglio. Materiali come Alu-dibond, Forex® ad alta densità, Lexan o Plexiglass, più indicati per il mercato dell’insegnistica, richiedono invece l’utilizzo aggiuntivo di un fresino.

Come avrai intuito le opzioni e le possibilità di personalizzazione per ogni specifica esigenza aziendale sono davvero molte.

Plotter da taglio in piano: quando dovrei sceglierne uno

 

Probabilmente ti starai chiedendo come capire se davvero dovresti pensare di acquistare un plotter da taglio in piano. Questi macchinari sono una soluzione efficace per soddisfare cinque esigenze fondamentali di aziende grafiche, cartotecniche e tipografie

Se ti riconosci in questi tipi di esigenza probabilmente dovresti valutare attentamente l’acquisto di un plotter da taglio in piano.

1) Prototipare in tempi rapidi

Questo aspetto è fondamentale per aiutarti ad ottenere l’approvazione di un progetto da parte di un cliente, perché riuscirai velocemente ad avere un’idea di come apparirà il progetto finito e potrai mostrare subito la versione definitiva al committente.

2) Esternalizzare una quantità inferiore di lavoro

Ricorrendo meno all’outsourcing riuscirai a velocizzare i tuoi processi produttivi e ad ottenere un maggiore controllo della qualità e dei costi. Produrre in house è meno rischioso dal punto di vista organizzativo e, avendo tutto sotto controllo, potrai gestire al meglio tempi e flussi di lavoro.

3) Eliminare la problematica dei costi di avviamento

Con un flatbed plotter potrai realizzare le quantità richieste dal committente senza vincoli e quantità minime di produzione. Non sarai più costretto a produrre tirature ampie per abbattere i costi di avviamento. 

4) Realizzare progetti originali in autonomia

Senza un plotter ti capiterà spesso di doverti appoggiare ad un fornitore esterno ed adattarti a fustelle già fatte, in sostanza ti troverai ad agire su lavori già realizzati da altri. Con un plotter da taglio in piano, invece, potrai sempre disegnare e realizzare progetti originali in completa autonomia. 

5) Rispondere meglio alle tempistiche del committente

Lavorando con un plotter da taglio in piano avrai una migliore capacità di rispondere alle tempistiche richieste dal committente. Con questo tipo di macchinario ti potrai concedere la possibilità di effettuare una pre-consegna con una tiratura inferiore, senza dover necessariamente realizzare l’intero lotto in unico processo produttivo.

Plotter da taglio in piano e fustellatrici tradizionali

Quelli che abbiamo appena elencato sono i vantaggi principali garantiti da un plotter da taglio in piano. Questo tipo di macchinario rispetto ad una fustellatrice tradizionale risulta meno adatto a tagliare grandi quantità di materiale. Il motivo è che la fustellatrice tradizionale è in grado di concludere questi processi in maniera molto più rapida.

Paragonare i processi di fustellatura dei plotter da taglio in piano con quelli di fustellatura tradizionale è tuttavia un errore da evitare. Questo perché i processi sono completamente diversi, sia come metodo che come concetto. Quando si sceglie un macchinario è necessario avere ben presente quali volumi produttivi vogliamo ottenere. È la quantità che determina la scelta.

Probabilmente ti starai chiedendo se è possibile scegliere entrambe le soluzioni. Ebbene, scegliere entrambe le soluzioni può essere assolutamente corretto, perché consente di rispondere a due esigenze diverse che possono presentarsi nel contesto di un’azienda ed integrarsi tra di loro.

La fustellatura tradizionale garantisce performance su quantità elevate, il plotter da taglio in piano concede la flessibilità di scegliere quando produrre in un modo e quando produrre in un altro, secondo la convenienza del costo e in funzione delle quantità per cui la macchina è stata concepita e scelta dall’azienda.

Se vuoi approfondire questo argomento leggi anche l’articolo che abbiamo scritto su come scegliere tra fustellatrice e macchina da taglio digitale.

Plotter da taglio in piano: come scegliere quello giusto

 

L’offerta di plotter da taglio in piano sul mercato è davvero vasta e la scelta potrebbe essere molto difficile. Se stai pensando di acquistare un flatbed plotter dovresti comunque tenere sempre presenti alcuni aspetti fondamentali: le esigenze e le necessità che devi soddisfare, l’affidabilità del plotter e del venditore, la qualità dell’assistenza fornita nel tempo, la capacità di integrarsi con altri software.

Le tue reali esigenze

Questo aspetto può apparire banale, ma non lo è affatto. Troppo spesso, infatti, negli imprenditori e in coloro che hanno potere decisionale esiste l’errata tendenza a concentrarsi su quello che forse si vorrebbe fare, su eventuali tipologie di lavorazioni che ipoteticamente un giorno potremmo fare. 

Questo tipo di valutazione risulta spesso fuorviante, in quanto porta ad acquistare plotter che presentano anche troppe funzionalità rispetto a quelle che sono effettivamente necessarie per l’azienda. Funzionalità che molto probabilmente non verranno mai sfruttate. 

Il risultato è che molte realtà acquistano plotter da taglio in piano eccessivamente costosi in relazione a quelle che sarebbero le vere necessità dell’azienda.

Se decidi di acquistare un plotter ti consigliamo quindi di concentrarti su quelle che sono le tue reali esigenze nel momento in cui effettui l’acquisto: risparmierai molti soldi e riuscirai a svolgere il tuo lavoro in maniera più efficace.

Affidabilità del plotter

Tutti i brand affermano che le loro macchine sono affidabili, come capire dunque se il plotter da taglio in piano a cui sto pensando è affidabile?

Se passaparola e testimonianze positive possono avere sicuramente un peso nel capire se una macchina è affidabile, probabilmente esiste un fattore ancora più importante: stiamo parlando della longevità.

Un’azienda longeva, che esiste da decenni, molto probabilmente sarà un’azienda con molta esperienza, che nel tempo è riuscita a soddisfare i suoi clienti e a raggiungere risultati molto importanti. Per questo motivo è lecito pensare che brand dalla lunga storia riescano ad offrire prodotti di qualità. 

Allo stesso tempo, anche la longevità di un prodotto è un indicatore di buona qualità: un modello che esiste da tanto tempo, seppur con i necessari aggiornamenti, molto probabilmente è un modello di successo. Basta pensare a prodotti di utilizzo quotidiano come smartphone o automobili: ci sono prodotti che esistono da decenni, che hanno avuto talmente successo e che sono talmente amati dai loro utenti da essere sopravvissuti all’incedere del tempo. Questi prodotti vengono aggiornati periodicamente ma naming e caratteristiche distintive di design e funzionalità non cambiano mai. Lo stesso avviene per i plotter da taglio in piano.

Al contrario, un plotter che è stato prodotto per poco tempo o di cui si conosce poco probabilmente sarà un macchinario da evitare.

Serietà del venditore 

Pure in questo caso, ovviamente, non è semplice capire chi abbiamo davanti. Ma anche quando parliamo dei venditori la longevità è un fattore che ti può aiutare ad orientarti nella scelta.

Scegliere un rivenditore che vende lo stesso plotter da taglio in piano da tanti anni è solitamente sinonimo di una garanzia maggiore, in quanto è facile supporre un forte legame con la casa madre, un’ampia e pronta disponibilità di ricambi, un team di tecnici in grado di svolgere le operazioni di primo supporto per necessità di diverso tipo, come formazione sull’utilizzo, upgrade o riparazione.

Caratteristiche che non sono affatto comuni o scontate in tutti i venditori.

Qualità dell’assistenza

Quando si valuta l’acquisto di un plotter da taglio in piano, l’assistenza ed il supporto post-vendita sono spesso sottovalutati, ma la possibilità di ricevere un servizio di qualità è fondamentale.

Devi sempre ricordare che utilizzerai il macchinario che acquisti per lungo tempo (parliamo di tanti anni) ed in maniera continuativa (almeno 8 ore al giorno). Se investi in un plotter che deve garantire un utilizzo lungo e continuo non puoi certo sottovalutare quello di cui un giorno potresti avere bisogno. 

Ovviamente, prima dell’acquisto, è molto difficile conoscere la qualità di un servizio che verrà erogato solo dopo aver comprato il plotter e, solitamente, dopo un tempo piuttosto lungo. Ci sono comunque delle buone pratiche che puoi seguire mentre stai valutando i macchinari da acquistare.

Il primo criterio da seguire è sicuramente quello della trasparenza: se le informazioni sono chiare, dettagliate e accessibili questo è sicuramente un buon segnale sulla serietà del venditore e saprai meglio cosa aspettarti una volta effettuato l’acquisto. Conoscere le modalità in cui l’assistenza verrà erogata, i costi necessari, l’esistenza di eventuali pacchetti o programmi di assistenza è fondamentale per scegliere al meglio.

Ti consigliamo di informarti in maniera dettagliata e di fare tante domande all’azienda o al rivenditore. 

Una volta acquisite tutte le informazioni necessarie potrai valutare al meglio la scelta secondo le tue esigenze. Mentre valuti l’acquisto ricordati di assegnare sempre un peso specifico molto elevato all’assistenza e al supporto post-vendita!

Integrabilità dei software

Infine, tra gli aspetti da valutare nella scelta di un plotter da taglio in piano, ti consigliamo di tener conto della sua capacità di integrarsi con altri software. Ogni utilizzatore conosce bene la provenienza delle lavorazioni e quindi le applicazioni software che ha bisogno di utilizzare. In fase di scelta devi quindi accertarti che la macchina da taglio che stai valutando sia in grado di integrarsi con questi software. 

Inoltre molti produttori creano dei veri bundle in cui il flatbed plotter viene venduto in abbinamento con software proprietari. Si tratta di un elemento su cui ti consigliamo di informarti dettagliatamente, perché questi software potrebbero esserti molto utili durante il tuo lavoro quotidiano.

Oggi riteniamo che i software fondamentali nell’ambito dei plotter da taglio in piano siano quelli per lo scontorno dei file stampati, senza il quale questa tipologia di macchina sarebbe sminuita, perdendo in appeal e in valore. 

Altri software importanti sono i CAD per la cartotecnica, necessari per facilitare la creazione di packaging o espositori.

Plotter da taglio in piano: per saperne di più

 

In questo articolo abbiamo fatto un’ampia panoramica sul mondo dei plotter da taglio in piano. 

Abbiamo scoperto cosa sono, a cosa servono, quali materiali tagliano. Ti abbiamo consigliato come capire se dovresti acquistare un flatbed plotter e quali sono i criteri da seguire per scegliere quello giusto per te.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile e che, dopo averlo letto, tu abbia una conoscenza più approfondita sui plotter da taglio in piano.

Gli argomenti che abbiamo trattato sono molti e approfonditi, ma sappiamo che resta ancora tanto altro da scoprire. 

Per farlo ti consigliamo di leggere tutti gli articoli presenti sul nostro blog. Oppure, se vuoi metterti in contatto direttamente con il team Valiani, inviaci una richiesta di informazioni compilando il form sottostante.

Grazie per aver letto questo articolo, continua a seguirci!

Resta aggiornato!

Inviaci una mail e ti ricontatteremo il prima possibile.

    Voglio rimanere sempre aggiornato su promozioni, opportunità e novità sul mondo Valiani.
    Procedendo all'invio del messaggio autorizzi al Trattamento dei dati personali